Triangolo Bermuda

1) Che cosa e’ il Triangolo

2) Come e’ nata la leggenda

3) Molte imprecisioni

4) Teorie poco credibili

5) Cause Naturali

6) Cosa ne pensano le assicurazioni

 

Il Triangolo

Il Triangolo delle Bermuda e’ una vastissima zona di oceano compresa tra Miami (Florida, Stati Uniti) le isole Bermuda e San Juan di Porto Rico di circa due milioni e mezzo di kilometri quadrati.
Questa zona e’ sempre stata una delle piu’ trafficate, nonostante le decine di libri, film, riviste uscite sull’ argomento, nonostante le decine di incidenti dovute a cause cosiddette misteriose, rimane ancora oggi una delle zone piu’ trafficate.

 

Nascita

Il primo testimone di presunte stranezze nella zona delle Bermuda e’ stato Cristoforo Colombo.

Nel Diario di Bordo, il 13 settembre 1492 viene riportata lo strano comportamento delle bussole magnetiche.
Ovviamente si trattava di un’ anomalia magnetica.
Il 15 settembre 1492 viene riportato :
“Al cominciar della notte videro cader dal cielo una meravigliosa striscia di fuoco….”
In questo caso molto provabilmente si trattava di una meteorite.

Bisogna ricordare che all’ epoca e purtroppo anche in seguito le leggende nascono con molto poco, mostri marini, draghi, streghe, orchi, folletti, esseri come il Bigfoot, l’ uomo delle nevi ecc.
Basta la testimonianza di una persona qualsiasi che dice di aver visto una cosa molto strana e in poco tempo si crea la leggenda e all’ improvviso si ha un pullulare di testimonianze.
Ma la leggenda del Triangolo delle Bermuda nel 1492 non era ancora venuta alla ribalta, per questo ci sarebbero voluti altri 5 secoli. E’ il 5 dicembre 1945 quando cinque autosiluranti Grumman TBF Avenger degli Stati Uniti scompaiono misteriosamente nell’ area denominata in seguito il Triangolo delle Bermuda.

Tutti si ricordano la scena del film Incontri Ravvicinati del Terzo Tipo dove alla fine l’ equipaggio di questi aerei scende dalla nave degli alieni.
Purtroppo non ando cosi’ bene al povero equipaggio degli aerei in questione.
A causa di provabili anomalie magnetiche, dalla cattiva interpretazione delle informazioni da parte dei piloti, gli aerei persero la rotta e finirono il carburante in mezzo all’ oceano.
Il 18 maggio 1991 una società specializzata in recuperi sottomarini, sui fondali al largo di Fort Lauderdale (Florida), ritrova cinque aerei TBM Avenger che costituirebbero i resti della Squadriglia 19 scomparsa misteriosamente il 5 dicembre 1945.
La leggenda ha inizio.
Il primo articolo sulla leggenda del Triangolo e’ scritto da EVW Jones il 16 settembre 1950.
Nel numero di ottobre 1952 del Fate Magazine George X. Sand pubblica “Sea Mystery At Our Back Door”, un breve articolo in cui definisce l’area triangolare e racconta che sono scomparsi numerosi aeroplani e aerei.

Nel febbraio del 1964 Vincent Gaddis scrive sulla rivista Argosy
Magazine un articolo: “Morte nel Triangolo delle Bermuda”.



Un anno dopo, nel 1965 Gaddis scrive un libro dal titolo “Triangolo maledetto e altri misteri del mare”, all’ interno viene elencato un gran numero di navi e aerei che sono scomparse in questa parte di oceano, molte di queste si scoprira’ in seguito non solo non scomparvero in quella zona ma anzi non scomparvero affatto. Ed e’ a questo punto che iniziano a fiorire le teorie e le testimonianze sempre piu’ mirabili e fantasiose, si parla di altre dimensioni, di buchi nello spazio, di alieni, di magia, di forze soprannaturali, di convergenze di energie cosmiche, di esperimenti militari e chi piu’ ne ha piu’ ne metta. Nel 1974 la leggenda viene amplificata a livello mondiale grazie a Charles Berlitz il quale scrive il best seller “Bermuda, il triangolo maledetto”, “The Bermuda Triangle”.

La leggenda e’ cosi’ nata e sdoganata come verita’.
Purtroppo anche in questo caso lo scrittore non verifica l’ accuratezza al 100% di tutto quello che riporta sul suo libro per cui molte informazioni poi risulteranno non corrette.

Molte imprecisioni

Molte navi e molti aerei scomparsi sono stati legati al Triangolo senza nessuna prova certa.
Theodosia Burr Alston
Theodosia Burr Alston era la figlia dell’ex vice presidente degli Stati Uniti Aaron Burr. Era un passeggero a bordo della Patriot, che salpò da Charleston, South Carolina a New York City il 30 dicembre 1812, di cui non si seppe più nulla. Anche in questo caso non ci sono collegamenti con il Triangolo.

La Mary Celeste
Nel 1872 l’ equipaggio abbandona la nave Mary Celeste, erroneamente collegata al Triangolo, al largo delle coste del Portogallo.

Ellen Austin
Ritrovata come un relitto abbandonato, un piccolo equipaggio di recupero tenta di andare verso New York nel 1881 per riscuotere il premio. Le storie narrano che il relitto scomparve di nuovo, altri che riapparve senza l’ equipaggio di recupero e che il secondo equipaggio di recupero scomparve anch’ esso. Dopo una verifica ai Lloyd’s di londra, la societa’ assicuratrice, si scopre pero’ che nessun ferito o nessuna scomparsa di uomini puo’ essere legata al Meta costruito nel 1854 e rinominato in seguito Ellen Austin.

Spray
L’ abile capitano Joshua Slocum, primo uomo a circumnavigare il mondo da solista, nel 1909, con la sua barca intraprende un viaggio dai Caraibi a Venezuela. Anche in questo caso non ci sono prove di collegamento con il Triangolo.

USS Cyclops
Uno degli incidenti con piu’ morti, circa 306, nel marzo del 1918 accade alla nave della Marina degli Stati Uniti Ciclope USS sotto il comando del Tenente Comandante GW Worley, dopo essere partita l’isola di Barbados. Non esistono prove evidenti del collegamento con il Triangolo.

Carroll A. Deering
Una goletta di cinque alberi costruita nel 1919, fu ritrovata in secca duro e abbandonata a Diamond Shoals, vicino a Capo Hatteras, North Carolina il 31 gennaio 1921. Voci dicono che fosse vittima di pirati connessi con il commercio illegale di Rum. Anche in questo caso il Triangolo non c’entra.

SS Raifuku Marine Maru
Uno degli episodi più famosi del Triangolo e’ avvenuto nel 1921 (alcuni dicono anni dopo), quando la nave giapponese Raifuku Maru e’ affondata con tutto l’ equipaggio dopo aver inviato un segnale di soccorso che avrebbe detto “È come un pugnale, venite presto! ” il termine pugnale e’ stato interpretato come tromba marina. In realtà la nave non era nel Triangolo ma vicino e il messaggio di soccorso diceva (“Ora molto pericolo Venite presto..”). Risulta che una nave aveva lasciato Boston per Amburgo, in Germania, il 21 aprile 1925, incontro’ una forte tempesta e affondò nell’Atlantico del Nord con tutto l’ equipaggio. Il Triangolo non c’entra.

Douglas DC-3
Il 28 dicembre 1948 un Douglas DC-3aircraft scompare durante un volo da San Juan, Puerto Rico, a Miami. Il veivolo e le 32 persone a bordo non furono mai ritrovate. Dalla documentazione raccolta dalle indagini sembra che le batterie dell’aereo erano quasi scariche alla sua partenza. Il Triangolo sembra entrarci ben poco.

Star Tiger e Ariel Star
Star Tiger scompare il 30 gennaio 1948 su un volo tra le Azzorre e Bermuda mentre il Star Ariel scompare il 17 gennaio 1949, su un volo da Bermuda a Kingston, Giamaica. Nessuno dei due aerei ha fatto chiamate di soccorso. I due aerei erano della stessa compagnia e un terzo precipita contro una montagna nel 2 agosto 1947 durante un volo da Buenos Aires, Argentina, si presume per un guasto alla strumentazione provabilmente successo anche agli altri aerei. Il triangolo non c’entra.

Connemara IV
Una barca da diporto viene ritrovata alla deriva a sud di Bermuda nell’Atlantico il 26 settembre 1955; Berlitz riporta che l’equipaggio e’ scomparso ma e’ stato confermato che il Connemara IV era vuota e in porto quando un uragano la scancio’ dagli ormeggi e la trascino’ verso il mare aperto. Niente Triangolo anche questa volta.

SS Marine Sulphur Queen
SS Marine Sulphur Queen, una nave cisterna viene avvistata l’ultima volta il 4 febbraio 1963 con un equipaggio di 39 persone nei pressi delle Florida Keys. Il rapporto della Guardia Costiera dice che la nave non solo era in pessime condizioni ma che non non avrebbe mai dovuto navigare perche’ insicura. Il Triangolo anche in questo caso non vale.

KC-135 Stratotankers
Il 28 agosto 1963 un paio di US Air Force KC-135 si scontrano e finiscono nell’Atlantico. I credenti nel Triangolo dicono che non e’ stato uno scontro ma che sono due disastri separati avvenuti a causa del triangolo stesso. Anche in questo caso nessuna prova vera conferma la teoria del Triangolo.

 

Teorie poco credibili

Teoria degli spostamenti Spazio Temporali:
Secondo questa teoria, enormi fenomeni elettromagnetici in questa zona provocherebbero dei veri e propri buchi spazio tempo che inghiottirebbero navi ed aerei.

Teoria di Atlantide:
Secondo questa teoria, nella zona dove adesso si trova il triangolo delle Bermuda un tempo fioriva la civilta’ di Atlantide.
Forse residui di antiche tecnologie provocano ancora oggi anomalie e sparizioni di aerei e veivoli.

Teoria degli Estraterrestri:
Secondo questa teoria, alcuni estraterrestri avrebbero fatto delle basi sottomarine proprio al centro del triangolo delle Bermuda e da li si dedicherebbero a rapire gli equipaggi di navi ed aerei.

Teoria delle Dimensioni Parallele:
Secondo questa teoria, il Triangolo delle Bermuda in alcuni momenti specifici andrebbe ad incontrare una dimensione parallela permettendo lo spostamento delle navi o degli aerei dall’ altra parte.

Teoria dei Fenomeni Parapsicologici:
Secondo questa teoria, nel Triangolo ci sarebbero delle condizioni favorevoli allo sviluppo di fenomeni parapsicologici incontrollabili e potentissimi che porterebbero in determinate circostanze alla distruzione di navi e aerei.

Teoria del Dislocazione Temporale:
Secondo questa teoria, nel Triangolo alle volte capita che navi o aerei perdano il tempo, cioe’ spariscano dai radar e quando riappaiono per chi e’ a bordo il tempo non e’ passato mentre a terra sono passati minuti o decine di minuti.

Teoria di Sanderson:
Secondo questa teoria, sulla Terra esistono ben 12 zone anormali, 5 nell’ emisfero settentrionale, 5 nell’ emisfero meridionale e 2 ai poli. In questi 12 punti ci sarebbero a causa di correnti marine e gravitazionali delle interferenze dannose per navi ed aerei.

Teoria del Complotto Militare:
Secondo questa teoria, che viene anche citata come esperimento Filadelfia, la marina degli Stati Uniti rifacendosi alle Teorie di Tesla tento’ di creare uno schermo di invisibilita’ intorno ad una nave, ma l’ esperimento falli’. Appena accesi gli enormi generatori magnetici si formo’ una nebbia verde intorno alla nave, sembro’ che lo scafo e chi vi era a bordo stesse scomparendo letteralmente. L’ esperimento fu interrotto e molti marinai rimasero feriti sia fisicamente che mentalmente.
La distorsione gravitazionale sembra essere la stessa che avviene all’ interno del Triangolo delle Bermuda.

Teoria dei Mostri Marini:
Secondo questa teoria, all’ interno del Triangolo vivrebbero ancora adesso dei dinosauri marini o animali sconosciuti giganteschi che provocherebbero la sparizione di navi e aerei.

Teoria dei Gorghi Oceanici:
Secondo questa teoria, all’ interno del Triangolo verrebbero a formarsi alle volte dei giganteschi gorghi oceanici che inghiottirebbero le navi o gli aerei a bassa quota.
Purtroppo anche se ci siamo evoluti, il nostro cervello e’ cresciuto molto negli ultimi centinaia di migliaia di anni, sembra che siamo sempre soggetti a credere all’ impossibile piuttosto che al provabile. Molti sono ancora succubi di credenze, tradizioni ormai obsolete, nuovi miti creati apposta da governi, capi religiosi o persone che hanno solo a cuore il proprio interesse. Per queste e per molte altre motivazioni, come ad esempio la speranza che le persone scomparse non siano effettivamente morte, vengono creati misteri, miti e credenze ove basta la semplice conoscenza e lo studio per risolvere i misteri.

Cause Naturali

Uragani:
Gli uragani, tempeste alle volte spaventose, si generano nell’ Atlantico vicino all’ equatore e sono molto frequenti nell’ area del Triangolo delle Bermuda provocando naufragi e cadute di aerei.

Corrente del Golfo:
La Corrente del Golfo è una corrente oceanica che nasce nel Golfo del Messico, attraversa lo stretto della Florida e prosegue nel Nord Atlantico. Si tratta di un fiume sotto il mare, se un aereo precipita o una nave affonda vicino a questa corrente i rottami verrano trasportati molto lontani. Il ritrovamento sara’ per cui molto difficile e per niente misterioso.

Onde Anomale:
Sono onde gigantesche che in situazioni eccezionali si forma nell’ oceano. Possono arrivare anche all’ altezza di 30 metri e non e’ necessario che ci sia in corso una tempesta o un uragano. Una nave investita sia di lato che di prua o poppa puo’ venire affondata con molta facilita’.

Interferenze alle bussole magnetiche:
Usando bussole magnetiche si possono alle volte riscontrare interferenze in certe zone del globo compreso anche il Triangolo delle Bermuda ma sono solo fenomeni naturali. Nei aerei e navi attuali le bussole magnetiche sono solo congegni obsoleti e si fa’ riferimento al GPS satellitare molto piu’ preciso e affidabile.
anomalie magnetiche

Acqua Luminescente:
Questo fenomeno visibile specialmente di notte puo’ essere causato da alghe o altri elementi fosforescenti presenti nell’ acqua. Non sono UFO.

Idrati di Metano:
Molto piu’ recente e’ stata la scoperta di quello che possono provocare gli Idrati di Metano posti nei fondali oceanici e in zone tipo il Triangolo delle Bermuda. In presenza di Idrati di Metano alle volte vengono generate bolle di metano anche enormi che risalgono in superfice, l’ acqua mescolandosi con il metano diventa meno densa per cui le navi che si trovano a passare in quel momento rischiano seriamente di affondare molto rapidamente. Il metano contenuto in queste bolle e’ molto pericoloso da respirare, una volta uscito dall’ acqua tente a dissolversi nell’ aria ma a bassa quota puo’ interferire con i motori degli aerei, da questo molti incidenti sia aerei che navali.

Errore Umano o problemi tecnici:
L’ errore umano e sempre presente e sempre possibile come anche guasti improvvisi , ad esempio nel 1945 cinque autosiluranti degli Stati Uniti persero la rotta e affondarono in mare nel Triangolo delle Bermuda.

 

Incidenti provocati volontariamente:
Altro discorso sono gli incidenti provocati volotariamente per riscuotere l’ assicurazione, di solito si tratta di navi che vengono affondate e l’ equipaggio ovviamente si salva a bordo di battelli.
Oppure durante la seconda guerra mondiale le navi affondate dai sottomarini nemici. Oppure atti di vera e propria pirateria in cui molte volte viene fatto sparire l’ equipaggio per non lasciare testimoni. In tutti questi casi c’e’ poco mistero ma tanta cattiveria e malignita’ umana.

 

Assicurazioni

La prova piu’ evidente e lampante che tutte le teorie fantasione sul Triangolo delle Bermuda sono false viene proprio dai Lloyd’s di Londra. I Lloyd’s e’ una delle societa’ di assicurazioni piu’ importante al mondo nata alla fine del 1600 a Londra. Per le rotte che intersecano il cosidetto Triangolo delle Bermuda non c’e’ nessuna maggiorazione del premio o qualsivoglia clausola diversa dalla altre zone molto trafficate.
Se una societa di assicurazione, che ha come primo interesse “non perdere denaro”, non applica tariffe altissime al Triangolo delle Bermude significa che questo non esiste.

Nelle zona del Triangolo delle Bermuda transitano ogni anno miglioni di viaggiatori sia su aerei che su navi senza aver nessun problema, ed e’ anche questa una prova evidente che non c’e’ nessun mistero. Comunque se volete arricchire chi sfrutta queste credenze, continuate pure a comprare libri, riviste e tutti i gadget riguardanti l’ occulto, il mistero, gli ufo, le migliaia di religioni esistenti, la magia ecc. ecc. ecc.

Ed occhio al folletto sotto al letto!

Link Utili

  • Disinformazione
  • Le Stragi di Stato
  • Eredità Scomoda
  • Tutto sui Parlamentari
  • La Mappa del Potere
  • Altro