Inceneritori

INCENERITORI

( In Italia abbiamo il coraggio di chiamarli Termovalorizzatori )

 

1) Cosa esce da un inceneritore

2) Impatto sulla salute

3) Campionamenti

4) Controli sui fumi

5) Distanza dall’ impianto

6) Verita’ e menzogne

7) Links

 

1) La Prima Legge della Termodinamica enuncia che materia ed energia non possono essere nè create nè distrutte, ma soltanto trasformate.

Julius Robert von Mayer 199.814-199.878(18141878) fu un fisico e matematico tedesco ed insieme aHermann Ludwig Ferdinand von Helmholtz 199.821-199.894(18211894) fisico e matematico tedesco gettarono le basi per la prima legge della termodinamica.

 

2) La seconda legge della termodinamica afferma che in tutte le trasformazioni e in tutti gli scambi di energia che avvengono in un sistema chiuso l’energia potenziale presente alla fine sarà sempre minore di quella presente all’inizio.

Rudolf Julius Emanuel Clausius 199.822-199.888(18221888), fu un fisico e matematico tedesco che getto’ le basi per la seconda legge della termodinamica

3) La terza legge della termodinamica afferma che e’ impossibile raggiungere lo zero assoluto con un numero finito di trasformazioni.

Walther Hermann Nernst 199.864-199.941(18641941) fu un chimico tedesco che formulo’ la terza legge della termodinamica.

 

A cosa servono le tre leggi della termodinamica, servono semplicemente a spiegare perche’ gli inceneritori o se vogliamo ingiustamente chiamarli termovalorizzatori non distruggono assolutamente i rifiuti ma li trasformano in qualcosa di assai peggio.

Di seguito COSA ESCE da un inceneritore-termovalorizzatore di ultima generazione in condizioni ottimali PER OGNI TONNELLATA di rifiuti che entra :

6000 metri cubi di fumi immessi in atmosfera
280/300 Kg di ceneri “solide”
30 Kg di “ceneri volanti”
650 Kg di acqua di scarico
25 Kg di gesso

 

Totale rifiuti in uscita : 975 Kg di sostanze solide
di cui : 330 kg altamente nocive (molto piu’ di quelle in ingresso)
: 650 kg di acqua divenuta molto inquinata
: 25 kg di gesso non riutilizzabile

 

Totale rifiuti in uscita : 6000 metri cubi di fumi
di cui : 0,6 micro grammi di DIOSSINA
(tutte le circa 300.000 auto circolanti ad esempio nella citta’ di Genova producono in un giorno feriale solo 0,075 microgrammi di diossina cioe’ 8 volte di meno)
di cui : policlorobifenili (PCB)
policloruri di naftalene
composti clorurati persistenti (PCN)
fenoli alogenati
cloruro di benzene
idrocarburi policiclici aromatici (IPA)
numerosi composti organici volatili (COV)
arsenico
piombo
cromo
cadmio
furani
mercurio
l’anidride solforosa (SO2)
il biossido di azoto (NO2)
acido cloridrico
acido fluoridrico
anidride carbonica
nanoparticelle da 2,5 micro metri
nanoparticelle da 0,1 micro metri

RICORDIAMO (che ad esempio nella citta di Genova) VERRANNO INCENERITE 800 TONNELLATE DI RIFIUTI AL GIORNO. PER CUI AVREMO QUESTO BEL TOTALE GIORNALIERO DI RIFIUTI :

 

780 TONNELLATE DI SOSTANZE SOLIDE
4.800.000 METRI CUBI DI FUMI
480 micro grammi di DIOSSINA
264 tonnellate di rifiuti risultanti dopo l’ incenerimento da smaltire con opportuni metodi dato il loro alto contenuto di sostanze nocive.
Che grande guadagno per la tutta la CITTA’…………………….

IMPATTO SULLA SALUTE della POPOLAZIONE:

1) Aumento delle mutazioni genetiche e cancro ha causa di nanoparticelle o altri composti dannosi come la diossina

2) Aumento del 44% della provabilita’ di sarcoma

 

3) Aumento del 27% della provabilita’ di linfonoma non-Hodgkin

4) Aumento di 6-7 volte della provabilita’ di cancro al polmone

5) Aumento dell’ incidenza del cancro alla laringe

6) Aumento del 20% della provabilita’ di cancro al fegato

 

7) Aumento del 50% della provabilita’ di cancro nei bambini

8) Aumento delle affezioni respiratorie compresa l’ asma

 

9) Aumento delle nascite di sesso femminile per colpa di mutazione genetiche

10) Aumento nelle deficenze incluse spina dorsale bifida e ipospadie

 

11) Aumento da 1 a 26 volte delle malformazioni congenite dei neonati

12) Livelli dell’ ormone tiroideo piu’ bassi nei bambini (disfunzioni della tiroide)

13) Aumento delle allergie

 

Campionamenti fatti su POPOLAZIONI vicine a INCENERITORI-termovalorizzatori :

1) dopo due anni di funzionamento dell’ impianto si e’ notato un aumento dal 10% al 25% di diossina nel sangue rispetto ai valori precedenti negli abitanti fino a 4 km di distanza.

 

2) dopo due anni di funzionamento dell’ impianto si e’ notato un aumento dal 12% di PCB nel sangue rispetto ai valori precedenti negli abitanti fino a 4 km di distanza.

3) riscontrato un aumento progressivo di contaminazione da mercurio tra i 5 km e l’ impianto di incenerimento.

4) entro i 7,5 km si e’ riscontrato un aumento significativo di cancro ai polmoni, fegato, colon, intestino, laringe ecc.

5) entro 1 km si e’ riscontrato un aumento del 50% del cancro al fegato.

6) nelle vicinanze degli impianti si e’ riscontrato diminuzione del del 14% della funzione polmonare nei bambini

7) si sono riscontrate anomalie congenite nei nascituri oltre i 5 per ogni 1000

 

CONTROLLI sui FUMI in USCITA :

Gli apparecchi di misurazione presenti negli impianti e nelle torri di smaltimento dei fumi non riescono a misurare concentrazioni piccole o particolari sostanze come le nanoparticelle, di conseguenza molte sostanze dannose e cangerogene sfuggono ai controlli e vengono ignorate dai responsabili degli impianti stessi.

Cosa ancora piu’ grave non si dispongono apparecchiature per il controllo dell’ accumolo di sostanze dannose e cancerogene nel circondario tra i 0 e 7 km dagli impianti.

DISTANZA dall’ IMPIANTO (caso di Genova) :

Fino a 10 Km i fumi sono molto pericolosi le sostanze dannose si accumulano gradualmente e provocano danni sempre maggiori all’ ambiente e all’ uomo.

Dai 10 Km ai 20 Km la situazione migliora un poco sempre nel caso ottimale con venti modesti che non spingano le ceneri in una precisa direzione, comunque anche qui’ l’ accumolo negli anni e’ molto pericoloso.

Dai 20 Km ai 30 Km si hanno molti meno problemi, ma c’e’ sempre il fattore vento che complica le cose, nel caso di Genova ad esempio il vento potrebbe portare le ceneri sugli aquedotti della citta’ (Lago del Brugneto, Lago del Val Noci) inquinandoli con un danno gravissimo per tutti.

 

VERITA’ E MENZOGNE :

MENZOGNA : con gli inceneritori-termovalorizzatori viene creata energia e riscaldamento a basso costo.

VERITA : la produzione di energia degli inceneritori-termovalorizzatori e’ sostenuta con forti sovvenzioni pubbliche a carico dei cittadini. In pratica il governo paga, il cittadino si ammala, e le societa’ private che gestiscono il tutto guadagnano.

MENZOGNA : grazie agli inceneritori-termovalorizzatori la spazzatura sparisce e diminuisce l’ inquinamento

VERITA : una buona parte dei rifiuti non viene distrutta ma rimane in forma di cenere molto pericolosa da trattare e smaltire, una parte delle ceneri va’ addirittura smaltita come rifiuto speciale ad altissimo costo.

MENZOGNA : gli inceneritori-termovalorizzatori attuali non fanno male alla salute.

VERITA : dato che non vengono effettuati controlli accurati con mezzi adeguati si dice che gli inceneritori-termovalorizzatori sono molto puliti. E’ praticamente la stessa cosa che si diceva dell’ amianto prima che si scoprisse che brutta bestia fosse e vinisse bandito in tutto il mondo.

MENZOGNA : In questi anni si e’ fatto molto nella promozione della raccolta differenziata dei rifiuti, nella ricerca di nuove tecnologie e nella riduzione dei rifiuti nei sistemi di produzione.

VERITA : affatto, poco o nulla e’ stato fatto per incentivare la raccolta differenziata, addirittura in molti comuni i rifiuti raccolti in maniera differenziata poi vanno a finire nella stessa discarica senza essere trattati. La ricerca di nuove tecnologie e basata unicamente nell ‘ incenerimento dei rifiuti e non nel cercare un mezzo per riconvertirli o riutilizzarli. La ricerca non si preoccupa minimamente degli effetti ha lungo termine delle sostanze dannose contenute nei fumi di scarico. Nessun passo avanti e’ stato fatto nella riduzione dei rifiuti nei sistemi di produzione, vedesi confezioni spropositate al contenuto, contenitori dentro altri contenitori e cosi’ via.

MENZOGNA : gli ambientalisti non vogliono gli inceneritori-termovalorizzatori e allora cosa dobbiamo farne della spazzatura?

VERITA : gli ambientalisti e i comitati cittadini vogliono poter vivere in un ambiente sano dove far crescere i loro figli, purtroppo ai politici o ai padroni delle societa’ che gestiscono questi inceneritori-termovalorizzatori non gliene importa dato che loro abitano in posti bellissimi lontani o protetti dall’ inquinamento. La spazzatura va’ ridotta e reciclata solo cosi’ ci saranno guadagni per tutti.

MENZOGNA : ci sono studiosi e scenziati che non sono daccordo nel dire che gli inceneritori-termovalorizzatori fanno male alla salute.

VERITA : certo anche all’ estero gli studiosi o gli scenziati che vengono sovvenzionati dalle multinazionali difendono a spada tratta il parere dei loro datori di lavoro. Qui in Italia non bisogna credere che sia molto diverso, ci sono lobby farmaceutiche, industriali, politiche che spingono verso gli inceneritori-termovalorizzatori e di sicuro ci guadagnano parecchio.

MENZOGNA : i cittadini possono controllare, indagare e intervenire in caso il progetto o il funzionamento dell’ impianto risultasse pericoloso.

VERITA : una volta approvato il progetto esso va avanti fino al termine. Dopo l’ accensione dell’ inceneritore-termovalorizzatore solo una catastrofe ambientale permetterebbe di spegnerlo, le rilevazioni fatte da societa’ private o da privati cittadini non verrebbero prese minimamente in considerazione.

 

LINKS UTILI :

BEPPE GRILLO

INCENERITORI

POPS convenzione di Stoccolma sugli inquinanti organici persistenti – POPS

PCB i Policlorobifenili-Policlorotrifenili – PCB

DIOSSINADIOSSINA

COV composti organici volatili

NANOPARTICELLENANOPARTICELLENANOPATOLOGIE

NO INCENERITORI imformazioni utili

SISTEMI ALTERNATIVI ALL’ INCENERIMENTO

SISTEMI ALTERNATIVI ALL’ INCENERIMENTO

AMICIDELCHIARAVAGNA

Link Utili

  • Disinformazione
  • Le Stragi di Stato
  • Eredità Scomoda
  • Tutto sui Parlamentari
  • La Mappa del Potere
  • Altro